domenica 16 giugno 2019

Congiunzione Luna Giove 16 giugno 2019

Questa sera 16 giugno, in direzione Sud-Est, possiamo ammirare la congiunzione tra una Luna in fase di Gibbosa Calante, e il gigante gassoso Giove. Sulla destra, è possibile ammirare Antares, stella Alfa dello Scorpione.


Ecco due scatti realizzati con il cellulare ed un ingrandimento della congiunzione Luna Giove.





Cieli sereni.
Giorgio IU3IOU

Sequenza sismica in Friuli - giugno 2019

Alle ore 15:57 italiane del 14 giugno 2019 un evento sismico di magnitudo Mw 3.7 (Ml 4.0) è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell’INGV 1 km a nord di Verzegnis (provincia di Udine) ad una profondità di 5 chilometri.
L’evento è stato localizzato nella provincia di Udine nelle vicinanze dei comuni di Verzegnis e Tolmezzo.


In seguito a questo terremoto è scaturita una sequenza sismica a cui viene data massima attenzione in quanto l’area interessata dall’evento sismico del pomeriggio del 14 giugno 2019 è considerata a pericolosità sismica molto ALTA, come è mostrato dal modello di pericolosità per il territorio nazionale.


Da questo schema tratto da Galadini et al. (2005) sono visibili 10 importanti strutture sismogenetiche del Nord Est da Thiene (VI) a Udine.


Fanno parte di questa sequenza sismica ancora in atto, circa una ventina di terremoti, tre dei quali hanno superato magnitudo 3 (fonte e dati INGV).


L'area inoltre è storicamente attiva con grandi terremoti del passato, fino ad arrivare al più recente terremoto del Friuli del 1976, famoso per i grandi danni e perdite che la regione friulana ha subito (Link http://ricercasperimentale.blogspot.com/2016/05/1976-2016-40-anni-terremoto-friuli.html).

Le scosse di terremoto, soprattutto la principale, sono state avvertite dalla cittadinanza in una vasta area compresa tra Tolmezzo ed Udine.
Rimane alta l'attenzione da parte degli enti preposti al controllo e monitoraggio del territorio ed al monitoraggio sismico. 


Il professor Giulio Riga, geologo libero professionista ed esperto in difesa del suolo, ha realizzato il software "Previsio", un sistema sperimentale di analisi e previsione delle sequenze sismiche e della loro possibile evoluzione.
Alla luce del recente evento in Friuli, il sistema "Previsio" prevede per questa sequenza sismica la possibilità di una scossa maggiore di 4.6 Mw, La sequenza in atto potrebbe risultare potenzialmente pericolosa, nonostante la situazione sia in costante evoluzione.

Nel frattempo con alcuni amici e colleghi stiamo verificando ed approfondendo alcune segnalazioni di anomalie.

Ancora una volta è bene ricordare che allo stato attuale delle conoscenze scientifiche non è possibile prevedere i terremoti in maniera precisa e che tali studi e ricerche hanno carattere sperimentale.

73 de Giorgio IU3IOU

__________
Link per l'approfondimento

La relazione dell'evento redatta da INGV
https://ingvterremoti.wordpress.com/2019/06/14/evento-sismico-del-14-giugno-2019-ml-4-0-in-provincia-di-udine/

Un ricordo del terremoto del Friuli del 1976
http://ricercasperimentale.blogspot.com/2016/05/1976-2016-40-anni-terremoto-friuli.html

Link al blog del geologo Giulio Riga
https://rigagiulio.blogspot.com/

mercoledì 5 giugno 2019

Progetto di citizen science dedicato al tema dei terremoti.

Qualche giorno fa ho ricevuto la consueta newsletter dal portale Zooniverse che si occupa di citizen science (scienza distribuita), altra modalità e possibilità per chiunque, oltre a quella del calcolo distribuito, di partecipare attivamente alla ricerca scientifica

Già il titolo della newsletter aveva attirato la mia attenzione "Earthquake Detective", detective di terremoti.


Ecco il contenuto tradotto della mail. C'è qualche errore grammaticale o di forma perché la traduzione è automatica con Google ma il senso è più che comprensibile.
Ciao,

Il team di Earthquake Detective ha bisogno del tuo aiuto!
Utilizzando un dispositivo che registra il movimento del terreno, vengono creati grafici (noti anche come "sismogrammi") per visualizzare i diversi segnali che si verificano durante un terremoto. È anche disponibile l'opzione per ascoltare il sismogramma per identificare i diversi segnali. Abbiamo bisogno che tu ci aiuti a classificare se un segnale è in una delle quattro categorie: terremoto, tremore, rumore o nessuna delle precedenti. Con il tuo aiuto saremo in grado di capire meglio la popolazione di questi eventi sismici e le condizioni in cui si verificano.
Unisciti agli scienziati per identificare questi diversi tipi di segnali su www.zooniverse.org/projects/vivitang/earthquake-detective.
Grazie per l'aiuto!
Grant e il team di Zooniverse

Subito sono andato a curiosare nella pagina del progetto visto il mio interesse per il tema dei terremoti e lo studio dei fenomeni collegati, ed ho trovato il progetto molto interessante.

Si tratta di dedicare del tempo al computer per per classificare gli eventi registrati in forma audio, ascoltando le onde sismiche. Lo scopo è quello di classificare un buon numero di eventi in modo da permettere a sismologi e scienziati di elaborare un algoritmo per automatizzare la classificazione dei sismogrammi, al fine di comprendere meglio i modelli sismici su come, dove, quando e perché i terremoti possono accadere.
Il lavoro svolto dai cittadini volontari per il progetto Earthquake Detective contribuisce alla comprensione fondamentale del nostro pianeta che consentirà agli scienziati professionisti di valutare meglio i rischi per i futuri eventi sismici.

Io sto già collaborando al progetto Earthquake Detective!

Alle prossime 
73 de Giorgio IU3IOU

domenica 2 giugno 2019

Mario Campion pubblicato anche su SPF Spazio Penultima Frontiera.

SPF Spazio Penultima Frontiera è un luogo ed una comunità di persone che si occupa dei temi riguardanti lo spazio in tutte le sue forme e manifestazioni con una comunità di confronto e approfondimento composta anche da esperti e professionisti del settore. 

Nell'ultimo numero della rivista SPF Spazio Penultima Frontiera, realizzata dall'omonimo gruppo che si coordina tramite Facebook è stato ripubblicato l'articolo dedicato a Mario Campion e ai suoi strumenti di misura la gravità.




73 de Giorgio IU3IOU

__________
Link a tutti gli articoli sulle attività e gli studi di Mario Campion (link)

Citazione su ARI Radio Rivista e ripubblicazione dell'aggiornamento del Progetto Giano per lo studio dei possibili precursori sismici.

Oramai è diventato un appuntamento fisso quello di trovare tra le pagine di Radio Rivista (06-2019) il mio nome nella sezione dedicata ai progetti speciali ed associato al tema dello studio dei possibili precursori sismici elettromagnetici.




Nella rubrica è stato riportato infatti l'aggiornamento pubblicato sul blog e relativo all'aggiornamento del Progetto Giano (link) sia dal punto di vista hardware che di ipotesi di lavoro.

Alle prossime
73 de Giorgio IU3IOU

__________
Link per l'approfondimento

Link a tutti i contenuti del blog inerenti i precursori sismici 

Link al post di presentazione del Progetto GIANO

Link a tutti i contenuti del blog inerenti il Progetto GIANO

sabato 1 giugno 2019

eQSL QSL collegamenti radioamatoriali ricevute a maggio 2019

Iniziamo il mese di giugno con le eQSL e QSL ricevute nel mese di maggio 2019 quali conferme dei collegamenti (QSO) effettuati nell'ambito dell'attività di radioamatore.

eQSL





















QSL



dagli SWL



73 de Giorgio IU3IOU

martedì 28 maggio 2019

Ondata di maltempo sul Veneto. Intenso nubifragio sul trevigiano e su Cornuda.

Dal pomeriggio si stanno susseguendo forti precipitazioni sul territorio Veneto
Attorno alle 16.30 un intenso nubifragio si è abbattuto lungo la pedemontana trevigiana colpendo in particolare la cittadina di Cornuda (TV).


Alcune immagini elaborate da NordEstMeteo per il blog Ricerca + Sperimentazione illustrano il momento di maggiore intensità delle precipitazioni: le prime due rappresentano il rain rate (mm/h):  il colore rosso/viola indica rain rate maggiore di 30mm/h.



La terza immagine rappresenta il valore dbz cioè la misura dell'intensità tramite onda riflessa del radar: i dbz sono tra i 40 e 50 che significa precipitazione forte o molto forte con grandine possibile.



"La stazionarietà delle celle di oggi rappresenta un rischio, in quanto i rovesci possono restare fermi su una zona, scaricando ingenti quantità di pioggia." (cit. NordEstMeteo - link)

Si sono riscontrati numerosi disagi e grossi allagamenti in varie zone di Cornuda in particolare la zona della stazione e lungo strada che porta verso Maser, ai piedi dei Colli Asolani, zona già colpita da un evento simile a metà luglio 2018 (link). Alcuni disagi si sono riscontrati anche nei paesi vicini in particolare Crocetta del Montello.












Numerosi gli interventi dei Vigili del Fuoco e delle squadre di Protezione Civile, tuttora in corso.





Nelle ore successive alcune altre zone del trevigiano stanno riscontrando alcune criticità a causa delle intense precipitazioni ancora in atto sia nella zona di Castelfranco Veneto sia nella zona di Conegliano dove si registrano numerosi allagamenti.

Aggiornamento ore 21.00
Si susseguono numerosi gli interventi in varie località della provincia di Treviso da parte dei Vigili del Fuoco e di varie squadre di volontariato di Protezione Civile.

Aggiornamento ore 22.00
Continuano gli interventi a macchia di leopardo nel territorio provinciale da parte di Vigili del Fuoco Protezione Civile anche se inizia un lento rientro verso la normalità. Gli interventi ora si concentrano nella zona orientale della provincia di Treviso dove si registrano anche alcuni smottamenti ed una frana a Vittorio Veneto.
L'attenzione resta ovviamente elevata a causa delle intense precipitazioni ancora in atto anche se in lieve diminuzione.



Aggiornamento ore 23.50
Le precipitazioni continuano incessantemente e sono attese anche per la giornata di domani stando alle ultime previsioni.
Nel frattempo si susseguono sul territorio numerosi interventi dei Vigili del Fuoco e della Protezione Civile nella parte orientale della provincia per lo più per allagamenti di strade o edifici.


Speriamo nelle prossime ore migliori la situazione fino a rientrare velocemente nella normalità.

Giorgio IU3IOU