giovedì 25 febbraio 2010

Inquinamento da idrocarburi del fiume Lambro - agg 01

Ieri mattina in provincia di Monza, sul piazzale della ditta Lombarda Petroli di Villasanta, sono state svuotate tre cisterne di idrocarburi.
L'azienda, che tratta oli combustibili, nafta e gasolio, è in chiusura ma ha ancora un 30% di attività.

Circa 600.000 litri di gasolio per autotrazione e riscaldamento e oli combustibili hanno raggiunto la rete fognaria e sono confluiti nel depuratore di Monza che si è bloccato. Le sostanze oleose sono così arrivate, in parte, al fiume Lambro.

Sul posto sono impiegate squadre tecniche della provincia di Monza, dell´Arpa-Dipartimento di Milano, un nucleo NBCR dei Vigili del Fuoco, Carabinieri e Polizia di Stato.
Le squadre stanno anche cercando di rallentare il flusso della macchia oleosa, che sta avanzando verso il fiume Po.
Ditte specializzate hanno ripulito il depuratore da circa 200 tonnellate di prodotto. Oggi si prevede di prelevarne circa 1200. Interventi si stanno effettuando anche alla diga di San Zenone a Lambro, mentre nel tratto fino a Pavia sono state poste barriere assorbenti.

Per organizzare gli interventi di ripulitura del fiume è stato attivato un Centro Coordinamento Soccorsi - CCS nei locali della Prefettura di Milano.

Gli interventi proseguono anche nella giornata di oggi.