lunedì 21 luglio 2014

Aggiornamento Frana in Fadalto

La frana del Fadalto alle spalle del paese
Nella zona del Fadalto si torna a parlare di boati ma questa volta nessun mistero. I rumori sinistri che si sentono nella vallata sono legati al movimento franoso in atto dallo scorso 16 luglio. 
La popolazione vive momenti di preoccupazione a causa di questi rumori, dei continui movimenti che si registrano e a causa delle nuove precipitazioni che potrebbero colpire la zona a partire da oggi e che potrebbero aggravare la situazione. 
Nella serata di sabato, poco dopo le 23, i residenti sono stati svegliati da improvvisi boati. Era il rumore sinistro dei pezzi di parete che scendevano a valle, da 100 metri circa a 600. Tonfo che ha diffuso la sua eco in tutta la valle. I residenti hanno chiamato allarmati a carabinieri e ai vigili del fuoco. 
I massi più grossi ed in bilico della frana sono già caduti verso valle e la frana stessa non desta particolari preoccupazioni vista la distanza dalle abitazioni e dalle principali arterie stradali.
Una ricognizione è stata effettuata anche lungo la pista forestale verso Govel, con la jeep dei pompieri. «Piovono sassi, com’era previsto, ma non c’è alcun pericolo per le abitazioni, sono lontane e comunque protette da un colle» hanno assicurato.
La situazione rimane sotto costante monitoraggio dai diversi enti nonché dal sindaco di Farra d'Alpago e dall'amministrazione di Vittorio Veneto.
Mobilitata anche la protezione civile regionale, su indicazione del presidente Luca Zaia, affinché monitori costantemente tutti i versanti della Val Lapisina, dove sono presenti ben 6 movimenti franosi.